Lenti a supporto accomodativo

Lenti a supporto accomodativo: conoscerli è meglio!

Attualmente, ci ritroviamo sempre di fronte a schermi di computer, tablet e smartphone, e questo significa che, per evitare un affaticamento eccessivo, abbiamo bisogno di una valida soluzione. Le lenti a supporto accomodativo sono innovative e molto utili, soprattutto nel mondo odierno.

La “computer vision syndrome” e l’aiuto delle lenti a supporto accomodativo

La computer vision syndrome, che possiamo tradurre come “affaticamento visivo digitale”, comporta sintomi come stanchezza e irritazione oculare, problemi alla messa a fuoco e, talvolta, eccessiva sensibilità alla luce. Tutto questo può provocare l’insorgenza di disturbi che vanno ben oltre la vista, ovvero mal di testa e/o dolori alla schiena e al collo.

Questo affaticamento visivo, comportato dal costante uso degli schermi digitali, si rivela purtroppo un disturbo sempre più frequente e, per molti, all’ordine del giorno. Cosa possiamo fare per evitare questo problema?

Possiamo di certo provare a ridurre le ore passate davanti al computer e ad altri dispositivi, ma questo – lo sapete – non è sempre possibile. Ad ogni modo, dobbiamo comunque pensare al nostro benessere, e possiamo farlo proprio usando le lenti a supporto accomodativo. Queste ultime sono state ideate per alleviare e prevenire la computer vision syndrome e i tanti altri sintomi correlati.

Lenti a supporto accomodativo: cosa sono esattamente?

A questo proposito, è utile considerare che il cristallino ha un compito fondamentale, che possiamo riassumere in una sola parola: accomodazione.

Nello specifico, ha l’abilità di cambiare il suo potere refrattivo, regolandosi in base alla distanza che c’è tra noi e l’elemento che stiamo osservando. In pratica, si “adatta” alla situazione, per garantirci una valida messa a fuoco degli oggetti posti alle varie distanze.

Tuttavia, quando si tratta di affaticamento oculare, le cose non vanno proprio come dovrebbero andare… La stanchezza non consente al cristallino di onorare pienamente il suo compito. Le lenti a supporto accomodativo sono state studiate proprio per “colmare” queste lacune e per consentirci di avere una visione ottimale, anche durante l’osservazione di schermi molto vicini ai nostri occhi.

Si tratta di lenti differenti dalle consuete monofocali: la parte inferiore di esse è stata potenziata al fine di ridurre e prevenire l’affaticamento dell’occhio. Questa peculiarità si tramuta appunto in un supporto per l’occhio, che provoca un positivo rilassamento dei muscoli oculari e consente di ottimizzare sia la messa a fuoco che il comfort visivo.

Altre caratteristiche da non sottovalutare

Dovreste sapere che esistono diverse tipologie di lenti a supporto accomodativo e tanti modelli di montature idonee. Pertanto, chiunque può trovare la soluzione ideale e promuovere il proprio benessere, semplicemente indossando un paio di occhiali. Queste lenti sono consigliate per coloro che passano più di due ore al giorno di fronte a pc, smartphone e tablet, e vengono già usate da molte persone tra i 13 e i 45 anni.

Perciò, praticamente, le lenti a supporto accomodativo non hanno età, anche perché tutti noi (o quasi) usiamo assiduamente gli schermi digitali… Io sono il primo a farlo e a doverlo fare!

Fortunatamente, è stato appurato che questi dispositivi aiutano effettivamente a prevenire l’affaticamento visivo e a ridurne i sintomi nell’84% dei soggetti. In poche parole, prevenire con le lenti giuste è sicuramente meglio che curare!

Se ti è piaciuto questo post, clicca Mi Piace qui sotto!

Nico Caradonna

Nico Caradonna

Ottico, Ortottista e Blogger. Nel mio negozio sperimento tecniche di marketing per l'ottica e sul mio blog le racconto.

Ti è piaciuto il mio articolo? Ti ha ispirato particolarmente? Se ti va puoi ricambiare con un piccolo regalo: i miei preferiti sono libri! Li ho raccolti tutti nella mia lista di Amazon :)

Chi ha letto questo articolo ha letto anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *