Dal Coronavirus al Corona-Visus per gli ottici

Sono giorni difficili per tutti. Un po’ perché non ci saremmo mai aspettati una pandemia all’improvviso, un po’ perché una vera emergenza di questa entità non l’abbiamo mai vissuta, almeno negli ultimi quarant’anni.

Tutto è fermo. Ogni testa pensante formula mille domande su come andrà a finire e a come il Coronavirus cambierà la visione degli ottici e il loro modo di comunicare. Io un’idea me la son fatta ed oggi voglio condividerla con te in questo articolo.

Prima però, vorrei ringraziare pubblicamente due persone speciali. Due colleghi che ammiro tantissimo, ci hanno insegnato come si affronta una situazione di emergenza come questa, se hai la “fortuna” di avere una partita iva.

La prima persona è Franca Bochicchio, ottico titolare del negozio Ottica & Glass Stylist D I E C I D E C I M I a Milano, in piena zona rossa. Non ha mollato un secondo Franca, cercando di capire ed agire per la tutela dei suoi clienti e di se stessa. Alla fine ha dovuto assumersi tutta la responsabilità di chiudere il negozio, anche senza promesse di aiuto concreto da parte del governo. Franca è stata a casa ed ha affrontato il periodo in maniera proattiva, realizzando insieme ad altre persone brillanti del nostro settore un progetto unico chiamato “Radio Ottica“.

La seconda persona che voglio ringraziare è Mauro Frisani, esperto contattologo di Torino. E’ stato fra le persone più decise ad “urlare” la necessità di un intervento drastico da parte di tutti gli ottici, ovvero la sospensione delle attività a rischio come le applicazioni di lenti a contatto. Ovviamente Mauro ha chiuso il suo studio cercando di dare l’esempio a tutti gli altri.

Queste due storie di coraggio, provenienti da zone rosse Coronavirus, mi hanno particolarmente colpito ed indotto a fare riflessioni per molti giorni.

Cosa ci aspetta dopo il Coronavirus?

Come dicevo, un’idea me la son fatta. Per me, dopo il Coronavirus, ci sarà da affrontare il Corona-Visus.

Il Corona-Visus non è un virus cattivo che può mandarti in terapia intensiva, anzi. E’ qualcosa che ha la forma di un pensiero virale che contagia le persone, indistintamente, per rendere tutti più consapevoli delle scelte che faremo da questo momento in poi.

Quindi cosa succederà nel mondo dell’ottica? Vivremo un futuro migliore perché il Corona-Visus metterà in crisi tutti i personaggi poco etici che oggi affollano il nostro settore. Ottici che fanno della concorrenza sleale la loro arma segreta, fornitori senza scrupoli che con le loro politiche di sell-in hanno devastato tanti negozi e consulenti incapaci di supportare gli ottici con strategie vincenti.

Personalmente sto cercando ogni giorno di trovare un piccolo fronte positivo in tutto questo scenario così complicato. Sto passando diverse ore della mia giornata a progettare il ritorno alla normalità. Sarà una situazione molto diversa da quella che abbiamo lasciato qualche settimana fa. Ne sei consapevole?

Il cambiamento delle abitudini dei nostri clienti, la riduzione della ricchezza e la perdita dei posti di lavoro ci regaleranno una nuova sfida da giocare. E sai in quel momento cosa potrà salvare le nostre attività? La strategia che stiamo studiando oggi.

E se parliamo di strategie, alla fine di questo articolo voglio lasciarti qualche utile consiglio. Sono sicuro che se messo in pratica porterà i suoi risultati.

In questo momento dobbiamo pensare e strutturare delle soluzioni efficaci per la nostra attività commerciale e reinventare la nostra comunicazione digitale. Come?

  1. Canali social
  2. Piano editoriale
  3. Tone of voice
  4. Contenuti di valore

Canali social

Mantieni i contatti con i tuoi utenti, condividi con loro informazioni importanti sfruttando i diversi canali quali: e-mail, sito web, pagina Facebook, profilo Instagram. Ricordati che puoi fissare il post più importante in alto nella tua pagina Facebook per una visualizzazione più rapida ed includere le misure che stai adottando per la tua attività commerciale o il modo in cui gestirai le richieste dei clienti.

Piano editoriale

Rivedi il tuo piano editoriale, assicurandoti che non ci siano post fuori luogo, offerte e servizi che non puoi più garantire in questo momento.

Tone of voice

Non fare ironia, i contenuti che ironizzano sul Coronavirus e sui comportamenti legati ad esso, possono urtare la sensibilità delle persone. Questo è il momento di modulare il proprio tone of voice in funzione del contesto. Ci sarà tempo per essere ironici!

Contenuti di valore

Cerca di creare qualcosa di buono, metti a disposizione degli utenti dei contenuti di valore. Ad esempio potresti offrire delle consulenze gratuite, fare tutorial o ancora, anticipare le tendenze occhiali del secondo semestre 2020.

Dunque questo è il momento di vedere il bicchiere mezzo pieno e di cogliere delle opportunità che in futuro potrebbero tornarti utili. Fra qualche settimana (io ci spero!) il Coronavirus sarà domato ma ci sarà da affrontare una nuova realtà sociale ed economica. Quando arriverà quel momento, ricordati del Corona-Visus!

Sai come si dice? Ottico avvisato, mezzo salvato! 🙂

Se pensi che questo articolo possa esse utile per qualche bravo collega come te, premi il pulsante condividi e diffondilo nella tua rete. Qualcuno son sicuro che ti ringrazierà. Intanto inizio io: grazie!

 

Se ti è piaciuto questo post, clicca Mi Piace qui sotto!

Nico Caradonna

Nico Caradonna

Ottico, Ortottista e Blogger. Nel mio negozio sperimento tecniche di marketing per l'ottica e sul mio blog le racconto.

Ti è piaciuto il mio articolo? Ti ha ispirato particolarmente? Se ti va puoi ricambiare con un piccolo regalo: i miei preferiti sono libri! Li ho raccolti tutti nella mia lista di Amazon :)

Chi ha letto questo articolo ha letto anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.